Dove siamo in Kenia

Diocesi di Malindi Kenya adozione a distanza bambini costruzione ospedale missione di Watamu Arona

 Il territorio dove si è concentrata la nostra attenzione con la solidarietà e la carità cristiana è quello di Mida. Questo villaggio densamente abitato e molto sparso non è lontano da Malindi. Poco più di 20 kilometri. Ed è parte del comprensorio di Watamu, per cui dipende dalla Parrocchia Missionaria di San Giovanni Battista di Watamu. Sulla strada dunque che da Watamu, noto sito particolarmente amato dai turisti, perchè posizionato in modo incantevole davanti all'Oceano Indiano che qui dona agli occhi dei turisti un  aspetto stupendo ed incantevole per le sue bianche e distese spiagge, porta a Malindi si incontra Mida. E' posizionato questo villaggio ai margini din uno dei più grandi parchi dell'Africa Orientale: la Sokoke Forest Reserve. Oltre che essere posto in una insenatura caratteristica meglio nota come Mida Creek.

Qui a Mida, dove abbiamo offerto alla popolazione una Chiesa dedicata a San Michele Arcangelo, ci sono strutture di notevole e pregevole valore dedicate alla scolarizzazione. L'Associazione Karibuni Onlus, qui ha compiuto un'opera unica e ben evidente. La Karibuni Onlus da anni si è preso a cuore questo villaggio dove ha dato il meglio di sè grazie alla preparazione e all'esperienza di cui è forte in anni di volontariato e solidarietà. La Misheni na Ukarimu dunque incontra l'opera di una Associazione che ha già spianato la strada di un cambiamento di vita sotto molti aspetti di questo villaggio. Nulla di quanto oggi si và ulteriormente sviluppando sarebbe possibile se non ci fossero le basi preziose collocate già da anni dalla Karibuni Onlus.

Su questo Villaggio si è concentrata l'attenzione della Diocesi di Malindi che già vede per il futuro la possibilità di diventare parrocchia missionaria autonoma da Watamu. Già intanto c'è la presenza permanente delle Suore. Ogni nostro impegno non potrà che ancor più fare crescere la popolazione locale che grazie al lavoro di questi anni prende più consapevolezza e padronanza della sua storia di collettività.

 

 

Where we are in Kenya

 

The area where our attention has been concentrated with Christian solidarity and charity is that of Midas. This densely inhabited and widely scattered village is not far from Malindi; just over 20 kilometers. And it is part of the Watamu area, so it depends on the Missionary Parish of St. John the Baptist in Watamu. On the road, therefore, that from Watamu ( a well-known site particularly loved by tourists, because it is positioned in an enchanting position in front of the Indian Ocean which here gives the eyes of tourists a wonderful and enchanting appearance for its white and expansive beaches) leads to Malindi and meets Mida . This village is located on the edge of one of the largest parks in East Africa: the Sokoke Forest Reserve. In addition to being placed in a characteristic inlet better known as Mida Creek.

Here in Midas, where we have offered the population a Church dedicated to St. Michael the Archangel, there are structures of considerable and valuable value dedicated to schooling. The Karibuni Onlus Association has done a unique and evident work here. Karibuni Onlus has taken this village to heart for years, where it has given its best, thanks to the preparation and experience gained through years of volunteering and solidarity. The Misheni na Ukarimu therefore meets the work of an Association which has already paved the way for a life change in many aspects of this village. Nothing of what is being further developed today would be possible if there were not the precious foundations already placed for years by Karibuni Onlus.

The attention of the Diocese of Malindi has focused on this Village, which already sees for the future the possibility of becoming an autonomous missionary parish from Watamu. Meanwhile, there is already the permanent presence of the Sisters. Each of our efforts will only increase the local population which, thanks to the work of these years, has gained more awareness and mastery of its collective history.